SEO Google: Guida Definitiva alle Parole Chiave

SEO Google: Guida Definitiva alle Parole Chiave

seo google come conquistare prima pagina

SEO Google: Perché il mio sito non compare in prima pagina?

Comparire sulla prima pagina della ricerca di Google non è facile e non è permanente, ma è l’obiettivo di ogni specialista SEO che vuole aumentare i contatti qualificati della sua azienda.

Se il tuo sito non ha un buon SEO Google è perché non hai ancora messo in pratica un strategia basata sulle Parole Chiave.

Questa Guida mostra come ottimizzare un sito internet per i motori di ricerca (SEO), partendo dall’elemento più importante di una strategia vincente: la scelta delle Parole Chiave.

Questo articolo fa parte di una suite sul SEO Google che comprende tre argomenti principali: Parole Chiave, Backlink, SEO In-Page.

Quanto apprenderai è di fondamentale importanza per il successo di ogni attività di marketing su Internet, anche fuori da Google.

Nei prossimi giorni completeremo l’argomento con i seguenti post:

 

SEO e Scrittura, tecniche ed esempi di ottimizzazione della pagina

Backlink senza segreti – Come creare una fonte autorevole per Google

 

Prima di iniziare un doveroso ringraziamento a Brian Dean, l’autore di Backlinko, uno dei maggiori esperti mondiali di tecniche SEO, per me fonte di ispirazione e di conoscenza.

 

Strategia SEO su Google: il valore delle parole chiave

 

 

Partiamo un concetto importante: nessuno può primeggiare su qualunque parola chiave (o Keyword) contemporaneamente, quindi, la prima cosa da fare, è individuare le parole chiave che vogliamo presidiare.

La Parola Chiave è l’intera frase che gli utenti scrivono su Google quando cercano qualcosa.

La seguente tabella tratta dal Keyword Planner mostra alcune ricerche che gli utenti italiani hanno effettuato sul SEO, Google e ottimizzazione motori di ricerca:

Ricerca Parole Chiave SEO

Parola ChiaveVolume Mensile Ricerche
SEO18.800
seo google880
seo utility1.000
ottimizzazione seo480
guida seo320
tecniche seo260
strumenti seo260
seo italia110

Come logico, le parole chiave più corte sono cercate più frequentemente di altre più lunghe (ad esempio “seo” rispetto a “seo google”).

La strategia che ti proponiamo è basata sull’idea di ignorare le keyword generiche e concentrarti su quelle che hanno minore concorrenza e maggiori probabilità di convertire gli utenti..

Infatti le parole chiave brevi sono quelle su cui troverai più concorrenza e più difficoltà a raggiungere la vetta dei motori di ricerca. Inoltre keyword generiche non selezionano il pubblico che ti interessa, ma portano sul tuo sito utenti che probabilmente stanno cercando qualcos’altro.

Una strategia SEO vincente parte dalla scelta di Parole Chiave specifiche e dettagliate, aventi alcune caratteristiche:

  1. Sufficiente volume delle ricerca
  2. Livello di concorrenza non troppo alto
  3. Specifica attinenza con la tua attività

 

 

Supponiamo che tu abbia un negozio di fiori. La seguente tabella mostra i volumi di ricerca mensili ed il livello di concorrenza in Italia per alcune parole chiave che potresti voler presidiare. Come puoi vedere, la keyword “fiori” ottiene moltissime ricerche, ma la concorrenza si concentra sulle parole chiave più specifiche e dettagliate (quelle in fondo alla tabella).

Però in mezzo alla tabella vediamo tre keyword (in grassetto) che non hanno molta concorrenza.

Queste tre parole chiave hanno: quantità sufficiente di ricerche, poca concorrenza, attinenza al pubblico che stiamo cercando.

Parola ChiaveVolume Mensile RicercheConcorrenza %
fiori110.0003%
fiori festa della mamma1703%
fiori anniversario505%
fiori sposa3908%
vendita fiori11090%
fiori regalo11091%
fiori online1.60095%
acquisto fiori2096%

Abbiamo trovato tre parole chiave vincenti?

Come facciamo a verificarle?

Come sono fatte le Parole Chiave che Convertono?

In questa fase non approfondiremo le ricerche effettuate con un linguaggio tecnico, né ci confronteremo con Parole Chiave di lingua inglese, che impattano pesantemente anche le ricerche nella nostra lingua.

Convertire gli utenti è il nostro obiettivo: vuol dire convincerli ad eseguire un’azione sul nostro sito. Questa azione dipende dalla natura del sito che stiamo gestendo.

Ad esempio, un sito di politica potrebbe desiderare che i visitatori si iscrivano ad una newsletter.

Un e-commerce, invece, considererebbe la conversione come un utente che faccia almeno un acquisto, o che registri i suoi dati per una prenotazione.

I fattori che accrescono la percentuale di conversione degli utenti sono diversi, ma la selezione gli utenti che arriveranno sulle pagine del tuo sito è affidata alle Keyword.

Selezionare gli utenti con Parole Chiave specificamente attinenti aumenta la percentuale di conversione.

Le parole chiave si distinguono per diversi fattori, tra cui:

  • Numero di parole che la compongono
  • Singolare o plurale
  • Parole tecniche o specialistiche
  • Nomi propri
  • Parole di origine estera
  • Numeri e sigle

A noi interessa capire il ruolo della lunghezza rispetto alle conversioni che è capace di generare.

Nella seguente immagine mostriamo l’efficienza delle parole chiave nel convertire gli utenti, in funzione della loro lunghezza.

seo parole-chiave-tasso-di-conversione

 

Parole chiave brevi (Testa): sono costituite da una sola parola. Tipicamente sono molto ricercate dagli utenti e contese dalla concorrenza, tuttavia, per la loro bassa specificità, non convertono bene i visitatori in clienti (ad es.: MOBILI).

Parole chiave medie (Corpo): Di solito sono keyword costituite da due o tre parole con un discreto volume di ricerca, ma più specifiche delle Teste. Sebbene siano meno ricercate delle Teste, talvolta qui si concentra il grosso della competizione (ad es.: MOBILE BAGNO). Il segreto del successo nel SEO Google è trovare parole chiave Corpo che non siano molto contese dai tuoi concorrenti. Su queste concentreremo quindi la nostra attenzione.

Parole chiave lunge (Coda): Le parole chiave Coda sono composte da più di 3 parole e di solito circoscrivono un ambito molto specifico di interesse. Sebbene non abbiano, singolarmente, volumi elevati, quando ne abbiniamo un numero adeguato, coprono oltre la metà di tutte le ricerche online (ad es.: PENSILE SCOLAPIATTI CON ANTE IN VETRO).

Intercettare le “Long Tail Keywords” non è affatto facile, perché richiede la creazione di moltissimo contenuto specifico. Tuttavia noi vedremo come sfruttare questo posizionamento, a partire dalle Parole Chiave Corpo.

Il segreto per conquistare la SERP (la pagina dei risultati) di Google è concentrare i propri sforzi sulle parole chiave corpo e creare le condizioni affinché esse veicolino anche le ricerche delle keyword coda. In pratica bisogna ottimizzare le proprie pagine per intercettare le parole chiave Corpo, inserendo nella pagine gli elementi per incassare anche le ‘Code’.

Come trovare le Parole Chiave giuste per il SEO Google?

Cercare parole chiave capaci di convertire gli utenti in clienti è un esercizio che richiede fantasia, conoscenza della lingua e strumenti adeguati.

Sembrerebbe una cosa difficile, ma se mi segui, tra 15 minuti saprai farlo come un professionista.

La logica da seguire è quella di trovare nicchie di mercato e delineare i clienti tipo.

Trova le tue nicchie di mercato e scoverai parole chiave che la tua concorrenza non sta utilizzando. Una nicchia è una parte di un mercato più grande. Individuare le nicchie di mercato correlate con la tua, ti aiuterà a individuare i profili dei tuoi potenziali clienti.

Per questo, la prima cosa da fare, è individuare almeno 5-6 mercati di nicchia correlati alla tua attività. Puoi aiutarti con un programma di Mind Mapping, oppure ricorrere al caro vecchio foglio di carta.

Ecco un esempio molto semplice di come potrebbe essere la tua mappa mentale:

seo nicchie mercato parole chiave

 

Una volta individuate nicchie di mercato correlate alla tua, prova a tratteggiare le caratteristiche delle persone che appartengono a questa nicchia. Crea una scheda tipo per ogni genere di visitatore che ritieni possa diventare un tuo potenziale cliente (Prospect).

Ecco come potrebbe essere la tua Scheda Prospect:

Amante della cucina gourmet
Età: 25-45

Genere: Entrambi

Reddito: €40.000 - €120.000

Hobby e interessi: moda e bellezza, eventi, viaggi, natura.

Desideri e rimpianti: Avere più tempo per la propria famiglia

Obiettivi: Acquistare una villetta con il giardino (ecco perché l’interesse per i fiori)
prospect seo google

Con questa tecnica, crea 10-15 profili tipo di potenziali clienti. Devi considerare che il 99% del tempo e dell’attenzione delle persone è un continuo turbinio di fatti, pensieri e idee che lambiscono solo sporadicamente il nostro sito.

Il nostro obiettivo è quindi di intercettare l’attenzione delle persone non solo quando sono interessate al nostro prodotto, ma anche mentre si occupano di argomenti correlati o stanno pensando a qualcosa di collegato.

 

 

La cassetta degli attrezzi del SEO Google

Abbiamo detto che una strategia SEO efficace si basa sulla scelta di keyword con alcune caratteristiche. Abbiamo stabilito che queste parole chiave debbano rappresentare un ventaglio di interessi ampio ma correlato con la nostra attività.

Adesso vediamo quali strumenti abbiamo per identificare le migliori parole chiave e come funzionano.

Ovviamente partiamo da Google…

Google Keyword Planner

google keyword planner

Google mette a disposizione il Keyword Planner (GKP), uno strumento che ti consente di creare annunci e gruppi di annunci per AdWords.

Per usarlo occorre quindi aprire un account su AdWords, la piattaforma pubblicitaria di Google, un’operazione semplice e gratuita.

Essendo GKP stato disegnato per gli inserzionisti AdWords, ha anche caratteristiche che a te non serviranno.

Dunque, come si usa il Keyword Planner?

La suite che ti consente di valutare se una keyword sta crescendo di popolarità, filtrare keyword con volumi molto bassi, creare combinazioni di keyword in pochi secondi e molto altro.

Ad esempio, le tabelle precedenti su “SEO” e “Fiori” sono state estratte proprio dal Keyword Planner.

Il tutto funziona alla grande, ma, essendo uno strumento creato per gli inserzionisti, le informazioni che ci fornisce servono principalmente a fare campagne di Search Engine Marketing (SEM) su AdWords.

Le parti che ci interessano sono:

– Cerca idee per parole chiave e gruppi di annunci

Basta inserire alcune parole chiave, oppure un indirizzo URL, per avere una lista di suggerimenti su combinazioni di parole chiave.

– Ottieni il volume di ricerca per un elenco di parole chiave

Questo menu ci consente di vedere l’andamento nel tempo di una o più parole chiave.

– Moltiplica gli elenchi di parole chiave per ottenere nuove idee.

Questa funzione ci permette di impostare due gruppi di parole chiave e di ottenere nuove keyword (oppure valutare l’impatto di una certa offerta su AdWords, ma non è in questa sede che faremo queste analisi).

Il terzo menu invece è destinato esclusivamente agli inserzionisti, per cui momentaneamente lo tralasciamo..

Bene, GKP è un grande tool e consiglio a tutti di usarlo, ma a mio modesto avviso non può essere risolutivo.

Perché?Per due ottimi motivi!

Il primo è che nasce come strumento per la pubblicità a pagamento, con funzioni ottimizzati per quelle attività;

il secondo è che,a parità di condizioni, suggerisce le stesse parole chiave, sia a noi che alla concorrenza.

E’ quindi il caso di affiancare a GKP un approccio più creativo, basato sulla capacità di estrapolare idee e dati da altre fonti.

 

 

Trovare parole chiave grazie ai Forum

I forum sono Gruppi di utenti focalizzati sui più disparati argomenti di interesse, a tua disposizione 24 ore su 24.

Spesso sono il luogo ideale per trovare idee ed ispirazione, perché contengono discussioni tra persone reali, modi di dire e linguaggio specifico.

Il modo più semplice per trovare forum correlati con la tua attività è cercare con Google:

  • parola chiave + FORUM
  • parola chiave + DISCUSSIONE
  • parola chiave + BACHECA
  • parola chiave + GRUPPO DI DISCUSSIONE

Se applichiamo questa tecnica all’esempio precedente (ricerca FIORI FORUM) troviamo alcune nicchie relative al settore in esame:

  • GIARDINAGGIO E FIORI
  • PIANTE DA APPARTAMENTO
  • CURA DEI FIORI
  • CUORI E FIORI

Ecco un esempio di ricerca su Google:

ricerca google keyword forum

Aprite qualcuno di questi forum e guardate quali sono le discussioni più animate.

Io ad esempio ho aperto questo, dove c’è solo l’imbarazzo della scelta:

seo google forum

Quindi, sfruttando i forum, in pochissimi minuti possiamo definire alcune keyword e poi verificare su GKP quanto siano ricercate dagli utenti e contese dalla concorrenza.

Alcuni esempi di parole che possono essere abbinate con la keyword FIORI per dar vita a combinazioni promettenti:

MALATTIE, PARASSITI, FOTOGRAFIA, ORTO, ESOTICI e così via…

Cercare le parole chiave su Wikipedia

Anche Wikipedia, con la sua infinita mole di informazioni, è un prezioso alleato per individuare nicchie e idee per parole chiave di grande originalità e specifica attinenza.

Cerchiamo una parola chiave su Wikipedia e controlliamo l’Indice della voce e le Ricerche correlate. Sempre ricorrendo al caso precedente, otteniamo altri termini per il nostro negozio di fiori:

  • FLORICOLTURA
  • LINGUAGGIO DEI FIORI

seo parole chiave wikipedia

Se apriamo qualche voce correlata, possiamo trovarne altre ancora (io aprirò la pagina giardinaggio). Leggiamo l’indice della voce:

seo parole chiave wikipedia immagine 2

Quindi, con un giro su Wikipedia, possiamo trovare alcuni aspetti e segmenti di mercato correlati a quello di nostro interesse. Basterà prendere queste keyword e verificare il livello di interesse e di concorrenza e il gioco è fatto.

Altre fonti per trovare keyword

Google Suggest, le parole chiave più cercate

Un modo molto veloce di cercare keyword è Google Suggest, cioè i suggerimenti che appaiono sotto il campo della ricerca. Scrivete la prima parola e staccate uno spazio.

In fondo alla prima pagina potete vedere anche le ricerche correlate. Annotatele e provatele sul Keyword Planner per verificare

seo parole chiave google suggest

Google Trend, confrontare le parole chiave in un lasso di tempo

Google Trend invece ci dà la possibilità di comparare la quantità di ricerche su diverse parole chiave nel corso del tempo. È uno strumento interessante per osservare le tendenze e i fenomeni in crescita. Deve essere usato in fase di pianificazione per individuare quali parole chiave stanno attirando l’attenzione degli utenti.

seo parole chiave google trend

 

E-Commerce: servirsi dai grandi retailer

Se avete un e-commerce vi sarà utile invece fare un giro su Amazon ed Ebay guardando i suggerimenti di ricerca e gli articoli correlati.

Oppure utilizzare un sito, all’apparenza non molto curato, ma capace di riservare piacevoli sorprese.

Si chiama Soovle ed è semplicissimo: inserite una Keyword e lui vi restituisce le parole chiave correlate in un discreto numero di siti autorevoli: Amazon, Bing, Ebay, Wikipedia, Answers, Youtube, Google, Youtube.

Le alternative a Topsy per l’analisi del social web

Topsy era un sito fantastico, ma purtroppo Apple, dopo averlo acquistato, ha deciso di chiuderlo. Tuttavia esistono alternative a Topsy per cercare gli argomenti di discussione che sono stati condivisi di più su Twitter, ovvero che hanno ottenuto la massima visibilità in rete. Il fatto che l’interfaccia non sia in italiano è un problema minore, dato che le ricerche sono invece su tutto il mondo.

 

Ecco tutte le alternative a Topsy:

  • Social Mention – Grande strumento di ricerca tra i tweets, i blogs, con metriche originali e interessanti
  • Twitter Ricerca Avanzata – Ormai uno strumento sofisticato con numerose funzioni e filtri
  • Social Bearing – Semplice ed efficace motore di ricerca in tempo reale per post recenti (7 giorni)
  • Keyhole – Misura influenza e popolarità di hashtag e account
  • TalkWalker – Noto nome per la possibilità di impostare alert, anche in versione premium

Prenditi il tempo di aprirli e verifica quali parole chiave sono state usate per descrivere il titolo delle pagine di maggior successo, come sono organizzati i contenuti e la struttura della pagine di successo.

La gestione a l’automazione delle Parole Chiave

Se hai esigenze di scala più grandi, la necessità di gestire diversi siti e migliaia di keyword divise in centinaia di gruppi, devi prendere in considerazione il ricorso alle suite software, di cui faccio una rapida lista, che aggiornerò con un capitolo apposito.

Soluzioni Premium per la gestione delle Keyword (la maggior parte hanno il free trial con alcune limitazioni):

Conclusioni

In questo articolo abbiamo visto quali parole chiave possono veicolare traffico qualificato verso le nostre pagine e come trovarle, ricorrendo a strumenti convenzionali e non.

Adesso sappiamo che senza una pianificazione strategica delle keyword, non possiamo ambire alla vetta di Google.

Ma, anche se le Parole Chiave sono ciò che fa la differenza in fase di strategia, nella fase operativa dovremo concretizzare il nostro lavoro di ricerca e selezione con altri metodi: il SEO In-Page e i Backlinks.

Come puoi usare le Parole Chiave? Dove vanno messe?

Nel prossimi articoli, spiegheremo come ottimizzare guadagnare autorevolezza ottenendo backlink da siti importanti e e come ottimizzare le proprie pagine, affinché la nostra strategia SEO ci dia un posto nella mitica prima pagina dei risultati di Google.

Se vuoi essere certo di ricevere i prossimi aggiornamenti, prova la nostra newsletter.

—————————

—————————

Se ti è piaciuto l’articolo, invia un commento o un suggerimento. La guida SEO Google è dinamica e pronta ad accogliere nuovi contributori.

 

Ultima revisione 2015/05/13

  • Pingback: Carry Filzen()

  • Pierluigi Ionni

    Uno degli articoli più completi sull’argomento e con i giusti consigli!